Yearly archives "2018"

Stato: Ethereum diventa mobile – Portafogli con chat

  • 2. dicembre 2018 at 15:29

Ethereum avrà presto Status, il primo portafoglio per dispositivi mobili con un’interfaccia che ricorda WeChat.

Nelle prossime settimane verrà rilasciata la versione alfa di Status di Bitcoin evolution

Questo programma ha lo scopo di fornire una nuova e contemporanea interfaccia per il portafoglio Bitcoin evolution: https://www.geldplus.net/it/bitcoin-evolution-truffa/ Con Status, gli utenti possono avviare e controllare applicazioni o DApp decentralizzate tramite messaggi istantanei da un portafoglio mobile.

Il Light Client, che dovrebbe essere disponibile per Android e iOS, è stato ispirato dall’App WeChat. WeChat è meno conosciuto in questo paese, ma prima di Facebook Chat era già un’applicazione chat che poteva fare molto di più di un semplice messaggio tramite bot. Così si potrebbe anche sfogliare gli aggiornamenti dei social media o avviare processi di pagamento.

Secondo Carl Bennets, co-fondatore di Status, l’idea era quella di creare un’interfaccia che le persone senza affinità per Blockchain avrebbero capito. In questo modo si creerebbe un ponte tra i non addetti ai lavori e il mondo delle tecnologie di crittografia.

“Con questo obiettivo in mente, abbiamo trovato una soluzione tra un messaggero e un browser. Secondo la nostra visione, puoi parlare con applicazioni decentralizzate come faresti con gli amici”.

Alla fine, il Mist Wallet aveva un obiettivo simile. Questo noto Portafoglio Ethereum è stato sponsorizzato dalla Fondazione Ethereum e voleva rendere il funzionamento delle DApp simile all’esperienza utente di un browser.

Lo stato fa un ulteriore passo avanti adattando l’interazione con le applicazioni distribuite alla messaggistica istantanea.

Prima fase Versione Bitcoin evolution

Tuttavia, va sottolineato che può esserci ancora molta strada da Bitcoin evolution prima che il prodotto finito sia pronto.

La versione alfa sarà una versione ridotta del programma con lo stato per mostrare cosa sta facendo. Il target di riferimento sono principalmente gli sviluppatori – in ultima analisi, lo stesso target di riferimento di Ethereum.

Un componente già interessante è che gli utenti possono crittografare le loro chat utilizzando il protocollo Whisper di Ethereum.

Steemite: realizzazione sociale o sistema di palle di neve?

  • 26. novembre 2018 at 19:18

Qualche anno fa, i dati personali erano solo un sottoprodotto delle relazioni commerciali, ma oggi sono diventati una moneta di valore a tutti gli effetti. Molte aziende, soprattutto nell’industria digitale, considerano i dati dei clienti come la loro risorsa più importante. Pesi pesanti come Facebook e Google definiscono il loro modello di business e l’elevata capitalizzazione di mercato nei mercati azionari grazie alla loro capacità di recuperare e analizzare grandi quantità di dati inimmaginabili dagli utenti. L’analisi dei dati dei clienti si è spostata al centro dell’industria digitale e consente un modello di business completamente nuovo.

Attraverso la Bitcoin code piattaforma Crowdinvesting Zinsland potete integrare il vostro portafoglio:

Investite in un progetto di vostra scelta e assicuratevi un rendimento fino al 7% con scadenze tra i 10 e i 30 mesi. Questo mese riceverai anche un bonus di 100€* per il tuo investimento iniziale. A tal fine può essere utilizzata la Bitcoin code, in quanto offre una gestione autonoma dei dati e contratti intelligenti per il traffico dei pagamenti. La catena di blocchi fungerebbe quindi da Robin Hood degli utenti di Internet, proteggendo i dati dall’accesso delle ricche e potenti società della Silicon Valley, e restituendo allo stesso tempo una fetta della grande torta a ciascuna di esse. Fino a che punto questo nobile motivo è realmente realizzabile non può essere stimato finora.

Chiunque riesca ad ottenere il maggior numero possibile di dati dei clienti e a valutarli in modo efficiente può diventare estremamente ricco nel più breve tempo possibile – saluta Mark Zuckerberg. Gli utenti di queste piattaforme o servizi, d’altra parte, non partecipano ai profitti, anche se ogni singolo utente fornisce le risorse corrispondenti, cioè i dati, per i profitti delle aziende digitali. Sembra quindi logico cercare alternative più eque che restituiscano ai consumatori il controllo dei loro dati e li compensino finanziariamente quando pubblicano i loro dati.

Steemit, un incrocio tra Facebook e Bitcoin code

La prima Bitcoin code piattaforma di social media a catena di blocchi, Steemit, ha fatto un tentativo di cambiare questa situazione, e abbiamo già descritto come funziona nel seguente articolo: BTC-ECHO ora anche su Steemit: https://www.forexaktuell.com/it/bitcoin-code-recensioni-opinioni/

Dietro la piattaforma ci sono Daniel Larimer, fondatore di Bitshares e Ned Scott, ex analista finanziario. Con Steemit, vogliono dare alle persone un modo per creare i propri contenuti, promuoverli o commentare altri contenuti mentre guadagnano denaro.

La misura in cui Steemit sarà in grado di affermarsi a lungo termine e di offrire agli utenti una reale alternativa ai social network esistenti a causa dei contenuti a pagamento e dell’autonomia dei dati non può essere prevista in modo affidabile. A prima vista, Steemit sembra un misto di Facebook e Reddit.

L’opportunità di monetizzare i contenuti pubblicati in rete senza passare i dati alle grandi aziende è senza dubbio molto interessante. Oltre a molte voci euforiche, ci sono anche critici acuti della piattaforma. L’accusa principale è la distribuzione di steem, di cui il 90% è di proprietà di un minor numero di insider (balene). Teoricamente hanno la possibilità di utilizzare il social network, simile ad un sistema a palle di neve, e di lasciarlo guidare contro il muro dopo un sufficiente auto-arricchimento.

Risolvere gli scandali alimentari più velocemente: Walmart scommette su Blockchain

  • 15. novembre 2018 at 9:46

I prodotti contaminati da agenti patogeni sono un incubo per ogni azienda alimentare. L’azienda statunitense Walmart sta ora utilizzando la catena a blocchi per rintracciare gli alimenti di base come le insalate. L’obiettivo è quello di identificare le origini degli agenti patogeni in modo più rapido e preciso, senza dover distruggere masse di cibo per semplice sospetto.

Nel 2011, quasi 4.000 persone in Germania si sono ammalate in tre mesi di pericolosa infezione intestinale EHEC, 53 delle quali sono morte. La causa è rimasta a lungo sconosciuta fino a quando si è scoperto che i batteri sono arrivati a noi attraverso verdure germogliate contaminate. Dopo lunghe indagini, è stata identificata un’impresa orticola della Bassa Sassonia che aveva importato semi di fieno greco dall’Egitto. A tutt’oggi, tuttavia, nessuno ha fornito alcuna prova a sostegno di questa teoria.

Nel 2013, il cosiddetto scandalo della carne di cavallo ha causato disagio generale. Milioni di piatti surgelati come il gulasch e le lasagne non contenevano carne di manzo così eccellentemente, ma carne di cavallo dalla Romania. Lo scandalo è stato a livello europeo e quando i media hanno pubblicato le filiere opache e complicate, molti sono rimasti scioccati.

Catene di approvvigionamento poco chiare da incolpare per crypto trader

I protettori dei consumatori chiedono da tempo ai dettaglianti di rendere più trasparenti le loro catene di approvvigionamento in modo da poter essere rintracciabili in qualsiasi momento. La ricostruzione delle vie di consegna e dei flussi di merci richiede troppo tempo in caso di emergenza e consente di coprire e correggere le irregolarità. Soprattutto per le grandi aziende del settore alimentare, ciò ha rappresentato finora una grande sfida logistica. Walmart lancia la propria crypto trader.

La tecnologia Blockchain risolve questi problemi e consente di rendere trasparenti e facilmente rintracciabili le catene di approvvigionamento dell’industria. La catena americana Walmart ha deciso di rendere la Blockchain parte della propria logistica. Come fattore scatenante chiamano una recente infestazione da E. coli di insalate e ricorrenti impurità di salmonella nelle uova e nei prodotti per la prima colazione. Walmart ha ora incaricato i suoi fornitori di insalata di rintracciare tutti i prodotti sul campo attraverso la catena a blocchi. Entro l’anno prossimo, i fornitori interessati avrebbero dovuto aggiornare i loro sistemi.

Processo di una settimana abbreviato a pochi secondi di crypto trader

Secondo Walmart, con gli attuali registri scritti, attualmente occorrono ben sette giorni prima che un prodotto possa essere ricondotto con successo alla sua origine. Il team interno per la sicurezza alimentare deve contattare il fornitore, richiedere i documenti e utilizzarli per identificare crypto trader che ha inviato il prodotto al centro di distribuzione.

Con la nuova tecnologia, invece, gli operai marcano i prodotti dell’azienda agricola con un codice utilizzando un dispositivo portatile. Questo può essere visualizzato direttamente da tutti i computer della rete a catena di blocchi. Se ora qualcuno scopre un alimento contaminato, tutti possono scansionare il codice e vedere esattamente da dove proviene. Un processo che finora è durato sette giorni è stato ridotto a pochi secondi. Inoltre le informazioni sono a prova di falsificazione, non può essere indicato quindi semplicemente un altro luogo di origine.

Walmart sta lavorando con IBM per implementare la catena di blocco. Il Gruppo si augura che il passaggio all’euro garantisca una maggiore sicurezza per i consumatori, risparmi sui costi dei processi di consegna ed eviti lo smaltimento inutile dei prodotti in caso di richiamo.

I minatori di tè freddo o: profitti di borsa grazie alla catena di blocco

  • 27. ottobre 2018 at 9:34

Dal tè freddo alla catena del blocco: secondo un’indagine della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense questa settimana, il produttore di tè freddo Long Blockchain sta seguendo il suo annuncio con i fatti e sta espandendo la sua attività mineraria. Con l’infrastruttura cinese di Bitmain, l’azienda segue così il cambiamento di rotta annunciato a dicembre. Come molti altri, il produttore di bevande non solo aveva annunciato la sua intenzione di delocalizzare la propria attività nel settore digitale, ma aveva anche segnato questo cambiamento in modo notevole, dando così il segnale di partenza per una vera e propria iniezione in borsa delle sue azioni.

Blockchain e Bitcoin trader

Quasi nessun neologismo sembra spruzzare in questi giorni più orientato al futuro, esprit e zeitgeist innovativo. Se c’è scritto Blockchain su di esso, si vende. Questa realizzazione dello scorso anno 2017 ha lasciato il segno in molte aziende – siano esse banche, Fintech o catene di supermercati – tutto fuorché una traccia. Il produttore di tè freddo Long Bitcoin trader Blockchain è uno di questi free riders. Dopo che il produttore di tè precedentemente noto come Long Island Icetea ha annunciato il cambio di nome l’anno scorso, il passo successivo nel riposizionamento strategico del New Yorker è ora seguito.

Secondo un’indagine condotta venerdì 5 gennaio scorso dalla US Securities Exchange Commission (SEC), la società è attualmente rifornita con 1.000 unità di calcolo Bitcoin AntMiner S9 del produttore cinese Bitmain. Questo è il primo passo importante, secondo fonti aziendali.

“Consideriamo l’acquisizione come un primo passo importante e decisivo nella focalizzazione dell’azienda sulla tecnologia a catena di blocco”. L’avvio delle nostre attività minerarie ci mette sulla strada per raggiungere in futuro i profitti basati sulla catena dei bitcoin-blockchain”, afferma Philip Thomas, amministratore delegato di Long Blockchain Corp.

In vista della futura sede di produzione, Long Blockchain sostiene attualmente di voler prendere piede solo in un “paese nordico”. Rimangono tuttavia speculazioni sulla possibilità che l’Islanda, in particolare, possa diventare la terra promessa della reinvenzione imprenditoriale a causa, ad esempio, dei bassi prezzi dell’energia.

Inoltre, l’azienda voleva continuare a mantenere il suo marchio iconico e la divisione bevande ad esso associata.

È la prima volta che l’azienda ha dato forma alla sua intenzione di dedicare le sue future attività commerciali alla tecnologia a catena di blocco. L’amministratore delegato Thomas aveva già descritto questo cambiamento nel corso dell’azienda come un’opportunità unica.

Aumento dei prezzi grazie al cambio di nome Bitcoin trader

Nel corso del riallineamento e del relativo cambio di nome in Long Blockchain, l’azienda ha anche gestito un notevole colpo di stato sulla borsa americana Bitcoin trader NASDAQ.

Così il prezzo delle azioni della società è andato dopo la ridenominazione da appena due a circa nove dollari dalla copertura e annusato l’aria di montagna inimmaginabile. Nel complesso, il corso azionario è aumentato di quasi il 450 % – solo sulla base di innovazioni non specificate per il futuro.

Tuttavia, il caso Long Blockchain è solo uno dei tanti. Al momento ci sono sempre più testimoni in tutto il mondo di cambiamenti di nome strategico, annunci e speculazioni intorno al presunto futuro che determina i termini blockchain e cripto valute. Ad esempio, l’impresa britannica On-Line Blockchain è stata in grado di aumentare il suo valore delle azioni del 400 % con il solo suffisso del nome Blockchain. In Germania, l’impresa di brokeraggio Fritz Nols ha compiuto un’impresa analoga alla fine di dicembre. In precedenza era stato annunciato che intendeva includere nel suo portafoglio le valute criptate.

E la tendenza continua: come riportato da Bloomberg, la parola “blockchain” potrebbe essere trovata in 110 comunicati stampa solo nei primi quattro giorni dell’anno.

Questo rende chiara una cosa – fino a quando l’hype continua, la speculazione continuerà e il denaro sarà guadagnato in borsa con semplici parole vuote. Il caso Long Blockchain non sarà quindi l’ultimo caso.

L’attesa è giunta al termine: Il primo Portafoglio Hardware Monero

  • 24. ottobre 2018 at 16:33

Il progetto Monero ha rilasciato il codice binario dell’aggiornamento 0.12.2.0 il 4 giugno. Con la Command Line Interface (in breve: CLI) è ora possibile memorizzare le chiavi private sui Ledger Nano S e Ledger Blue.

Cosa può fare la nuova Bitcoin formula?

Monero (XMR) ha avuto l’ultima forcella rigida sulla versione 0.12.0.0.0.0 (breve: 12.0) il 6 aprile. Con l’Hard Fork, sono state aggiunte nuove caratteristiche al protocollo, in particolare blocchi Fluffy, supporto multifirma e integrazione di sottoindirizzi. Anche l’algoritmo di proof-of-work è stato leggermente modificato in modo che gli ASIC prodotti da Bitcoin formula non possono più estrarre XMR. Dopo il grande aggiornamento di aprile segue ora un aggiornamento più piccolo, che corregge molti bug e permette l’uso del portafoglio Ledger-Hardware.

Il primo portafoglio hardware per Bitcoin formula

Dopo quattro anni di attesa, è finalmente arrivato il momento: https://www.forexaktuell.com/it/bitcoin-formula-recensioni-opinioni/ Monero è supportato dal primo Bitcoin formula portafoglio di ferramenta.

Si tratta di un passo importante per la valuta pura crittografia, perché, poiché Monero è basato su un codice completamente proprio e quindi non ha somiglianze con Bitcoin, l’integrazione del portafoglio hardware si è rivelata molto laboriosa. Mentre diverse forchette Bitcoin sono state in grado di sfruttare i risultati tecnici di Bitcoin, tutto doveva essere riprogrammato per Monero.

Ricordate che non ci sono sempre stati anche i portafogli hardware per Bitcoin. Anche in questo caso, i primi portafogli erano disponibili solo quattro anni dopo il blocco Genesis.

Quindi c’è ogni ragione per tifare per i possessori di Monero. Tuttavia, l’utente normale della moneta criptata privata deve ancora aspettare qualche giorno prima di poter utilizzare Monero in combinazione con il registro. La ragione di ciò è che la maggior parte degli utenti utilizza il cosiddetto Graphic User Interface Wallet (GUI). Tuttavia, il codice binario per 12.2 è disponibile solo per la CLI a partire da oggi (5.6.2018). Il codice per la GUI seguirà nella settimana di calendario 23. Resta da sperare che le aspettative siano soddisfatte. Per i progetti open source è difficile definire un orizzonte temporale fisso.

Una panoramica di 12.2
Il portafoglio GUI con la versione 12.0 è stato problematico per molti utenti, in quanto spesso ci sono stati problemi di sincronizzazione della catena di blocchi. Con l’aggiornamento a 12.2 queste complicazioni dovrebbero finire. Quindi queste sono principalmente molte piccole correzioni di bug che semplificano l’uso del software ufficiale Monero.

Il numero di sviluppatori per lo più volontari e non pagati nella versione 12.2 è notevole. 87 persone sono state coinvolte nella versione più recente. GitHub ha ricevuto 1.649 impegni e sono state scritte 56.735 righe di nuovo codice. Un elenco di tutti i partecipanti si trova nel thread Reddit.

“Cosa devo fare come utente Monero?”.
Prima di tutto, aspetta qualche giorno. Per l’uso intuitivo del portafoglio si consiglia di attendere il rilascio della GUI. Se si conoscono i dettagli tecnici, è già possibile scaricare e configurare il Portafoglio CLI.

E ‘importante che non è necessario aggiornare (anche se è fortemente raccomandato). L’aggiornamento non è una forchetta dura. Ciò significa che i portafogli con la versione 12.0 sono ancora compatibili con i nuovi portafogli.